Michele Zaza - Confine magico

6 febbraio - 8 aprile 2012

54 arte contemporanea ospita una importante mostra personale di Michele Zaza dal titolo Confine cosmico, che comprende una serie di collages inediti e una installazione con immagini fotografiche e sculture in legno realizzata appositamente per gli spazi espositivi.
Attraverso l'utilizzo di vari media, Zaza si concentra sul corpo – in particolare sul volto, suo e delle persone a lui vicine – per elaborare un ideale viaggio fisico e metafisico, dove tutto si fa spazio "poetico": il luogo, i corpi plastici, le immagini fotografiche, entrano in una trama di relazioni, rimandi, livelli di percezione e introiezione, da cui scaturisce un'immagine che si impregna di segni e significati tra il totemico e il feticistico, tra l'allusivo e il fantasticante.
All'interno della ricerca dell'artista, il corpo e il volto diventano l'interfaccia con il mondo, lo schermo su cui proiettare un'atmosfera magica e carica di simboli. Per questa ragione il corpo e soprattutto il volto si trasfigurano, tesi verso il valore di sacralità dell'immagine.
Essi "viaggiano" costituendosi in un corpo secondo, mentale, fatto di coscienza metafisica, e dialogano con forme archetipiche ideali.
Spesso prevale il colore blu per indicare un'idea di trascendenza, il bianco per focalizzare un punto di energia vitale, il marrone per manifestare un legame con la terra, ed infine il nero per segnare una zona di silenzio.
Nell'universo astratto che Zaza va man mano elaborando i volti e le forme disegnate o dipinte su cartone sono assimilabili a vere e proprie icone, figure sospese nel tempo e nello spazio, autentiche proiezioni di una spiritualità.
Il cosmo di Zaza si nutre sempre di forme plastiche, spesso in legno, all'interno di una libera creatività che tutto reinventa. È nella rappresentazione di un nuovo antro misterioso del vivente che si trova la possibilità di un universo immaginario, fatto di volti dorati, a volte con parti dipinte di azzurro, a volte celati dietro "maestosi" cuscini, che appaiono e scompaiono nell'oscurità segreta dello spazio, volti animati dall'intrecciarsi di mani dipinte, sicuri di voler abitare una propria dimora cosmologica materiale e psichica. Un cosmo dove si sedimentano il colore del cielo, le forme alate e i gesti del corpo.
Un percorso onirico sviluppato nelle sembianze di un habitat umano capace di rigenerare l'invisibile quanto il potenziale visibile.
"Una rappresentazione che mette insieme terra, cielo, uomo, coscienza. Una sorta di paradiso perduto dell'infanzia e della bellezza che permette una favola antropologica ritrovata, dove l'essere va oltre se stesso" (Michele Zaza).

Artisti

Michele Zaza

Allegati

gallery artist

Ferruccio Maierna

Ferruccio Maierna, scultore, nasce ad Amsterdam il 18 settembre 1969, attualmente vive e opera a Roma. Si forma artisticamente dal 1989 al 1995 presso l'Ecole des arts di Bruxelles alla Sezione Scultura con la Prof.ssa Lucie Sentjens...

Leggi tutto »

Gallery Artist

Kristina Milakovic

Kristina Milakovic è un'artista europea, di cittadinanza italiana, operante e residente a Roma. E' nata nel 1976 nella Città di Belgrado, già Capitale Federale della Repubblica Socialista Jugoslava. ...

Leggi tutto »

Gallery Artist

Alfredo Piquer Garzòn

Alfredo Piquer Garzòn nasce a Madrid nel 1951. Pittore, incisore, poeta ed artista eclettico, nel 1975 si laurea in Lettere e filosofia presso l’Universidad Complutense, Madrid. Nel 1987 si laurea presso l’Accademia delle Belle Arti della medesima Università, ...

Leggi tutto »

gallery artist

Lindsay Kemp

Dopo gli studi al Bradford College of Art, Kemp ha sempre affiancato il disegno e la pittura alle altre attività creative con cui spesso sono connessi, soprattutto nel caso dei disegni per i suoi costumi teatrali. Numerose le mostre in tanti paesi...

Leggi tutto »